Inefficienza frigorifica

12 Gen

Nel corso di fisica tecnica (primo anno di ingegneria) si insegna che il rendimento (banalmente il rapporto tra quanto spendi e quanto ottieni) di un frigorifero è tanto maggiore quanto più l’ambiente esterno è freddo.

In effetti ha senso, se piazzo un frigorifero a 4°C non dovrò fare praticamente niente per tenere fresche le verdure.

Ora accade che soprattutto in città il frigorifero d’inverno si trovi immerso in un’ambiente riscaldato, una situazione del tipo:

8°C|24°C|4°C|24°C|8°C

Quando fuori ci sono 8°C, consumiamo energia per portare l’ambiente a 24°C , poi ulteriore energia per abbassare la temperatura interna del frigo a 4°C.

Prima dell’invenzione dei frigoriferi, e forse anche prima dell’avvento delle città, il freddo si induceva in maniera naturale: giazzere, cotti, sorei sono parole che non avevo mai sentito prima di trovarne traccia su google.

In città, avendo a disposizione un balcone, d’inverno si può lasciare gli alimenti in esterno, in una parte riparata dal sole ed in contenitori isolanti in modo da evitare sbalzi di temperatura.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: