Archivio | Discussioni RSS feed for this section

Are humans omnivores?

30 Ago

Course Home Page

Ho seguito un corso sulla ‘science of gastronomy’ tenuto dall’università di hong kong tramite coursera.org dal quale è scaturita una lunga ed interessante discussione sulla ‘natura dell’essere umano’.

Le mie personali conclusioni sono che ‘naturalmente’ (per quanto questa definizione come molte altre lasci il tempo che trova) l’essere umano è fondamentalmente vegetariano e consuma (o dovrebbe consumare) moderatamente carne.

Riporto qui sotto l’intera discussione per aver più a portata di mano tutti i contributi dati dalle varie persone intervenute.

Continua a leggere

What a Plant Knows (and other things you didn’t know about plants)

30 Ago

Qualche mese fa ho scoperto questa piattaforma incredibile (ce ne sono varie in rete), ed ho seguito un primo corso (science of gastronomy) molto interessante (vedi il post dedicato).

Adesso mi sono iscritto a questo:

Can we say that plants have senses? You will learn how plants sense their environment and how scientists study plant senses. You will be exposed to both classic and modern experiments in plant biology, and may even start to question what defines us as humans.

Proverò poi a trarne delle conclusioni e condividerle qui

A nessuno conviene

15 Apr

Estratto da una chiacchierata on line con un caro amico al quale avevo appena fatto vedere il video del massacro degli agnelli:

12:10 PM io credo che bisognerebbe
  combattere
  per assicurare agli animali
  trattamenti più umani
  questo sicuramente
12:12 PM me: sarebbe sicuramente un buon punto di partenza
12:14 PM  si
  questo
  sarebbe il minimo
  da fare
  il discorso
 è che ci devono mangiare troppa gente
  costerebbe troppo trattarli meglio
  e a nessuno conviene
  no?
La mia risposta é NO, vista da un punto di vista puramente economico, la dieta basata sul consumo di esseri viventi non solo non é sostenibile, ma va nella direzione opposta a quella di poter offrire un pasto a tutti gli esseri umani viventi.
Ironia della sorte mi sono imbattutto in un saggio di Asimov (suo scrittore preferito) che in tempi non sospetti giá dava forma stabile a questi concetti.
[…]La grande maggioranza degli esseri umani, ogni qualvolta ha la possibilità di farlo, pare preferire una dieta a base di carne, ma, anche quando tale carne proviene da animali erbivori, si tratta pur sempre di un notevole spreco. Ricordiamo che con cento chilogrammi di vegetali si ottengono solo dieci chilogrammi dell’animale da noi mangiato e che questi a loro volta corrispondono ad un solo chilogrammo del nostro corpo. Se consumassimo direttamente le piante invece di servircene per nutrire gli animali, la stessa quantità di vegetali corrisponderebbero a dieci chili del nostro corpo. Per dirla in breve, se tutti gli esseri umani fossero vegetariani, la popolazione mondiale potrebbe essere dieci volte superiore a quella che si avrebbe se tutti si nutrissero esclusivamente di carne […]
La quaresima prossima ventura

Si ma io non c’entro

1 Mar

Ho consigliato ad un amico, con cui sto condividendo un percorso di riavvicinamento alla natura anche grazie a piante medicinali ancestrali, la visione di earthling.

Gli avevo giá anticipato che il film é molto duro, che svela una realtá sotto gli occhi di tutti ma difficile da accettare.

Lui mi ha confermato che il film é molto duro, che ha fatto fatica ad andare avanti in alcuni punti, ma che lui non c’entra niente, che non si sente parte di questo sterminio e di tanto inutile dolore causato.

Non abbiamo avuto modo di approfondire ma sicuramente torneró sull’argomento.

Carnivori

23 Feb

Mi sono permesso di commentare un post che elogiava la prelibatezza della carne di un particolare capretto, ricordando che prima di arrivare al piatto il cammino é abbastanza doloroso per l’animale.

da vegetariano (ho mangiato carne per 34 anni ed ancora mi piace il suo sapore) non vorrei urtare la sensibilitá dei carnivori ma aggiungerei una tappa doverosa a questo itinerario, il passaggio dalla terra alla parrilla che pure si potrebbe proporre al turista venuto da lontano.

A quanto pare finanche a quilino non é che ai capretti sia riservato proprio il massimo delle attenzioni:

“…el cabrito es aquel que solo se alimenta con la leche de la cabra no sale del corral en su corta vida hasta que es arrebatado de su madre y llevado al deguelle, he visto y he participado en la faena de un monton de cabritos en mi pueblo, la verdad es un testimonio atroz ya que el animal es sujetado de las cuatro patas y se le agarra el hocico con otra mano mientras un cuchillo afilado hace un sonido seco contra el cuero del animal y este empieza a gemir sus ojos se desorbitan y su cuerpo entero se estremece corriendole escalofrios, pequeñas contracciones, la sangre brota como si abrieras una canilla roja y bien consistente, cae en una batea y en dos minutos el animal emite su ultimo suspiro, asi se mata un cabrito”

Il sapore passa anche attraverso la consapevolezza

Questa la risposta:

Continua a leggere

Fois Gras?

18 Feb

delfo says: per me ormai é come matrix si puo scegliere tra pillola blu e pillola rossa e una volta che hai scelto non puoi tornare indietro

alis says: uagliò,tu ti devi rilassare

delfo says: ahahaha sono rilassatissimo é la carne che porta stress

alis says: ti rispondo appena ho finito il mio fois gras bagnato dal mio bordeaux bianco

delfo says: per me mangiare carne é come credere nella chiesa cattolica

alis says: sei pesante…(disse leccandosi il dito per non tralasciare un pezzettino di grasso lucido…)

delfo says: no veramente da quando non mangio carne so pure dimagrito