Tag Archives: monsanto

Stevia? Piantatela!

8 Mag

La Stevia l’ho scoperta durante la mia permanenza in Argentina, ne avevo già parlato in un blog in cui scrivevo ed in cui poi non ho scritto più per divergenze sulla visione della vita, ma questa è un’altra storia.

La novità è che finalmente dopo anni anche in europa, pecorella degli stati uniti su molti fronti, la Stevia Rebaudiana Bertoni è stata legalizzata.

Il cancerogeno aspartame (consiglio la visione della puntata di report al riguardo) ancora presente nella maggior parte dei fantomatici prodotti a zero calorie sembra avere le ore contate e tutti esaltano le naturali doti dolcificanti di questa erbetta spontanea paraguayana.

In realtà anche in questo caso a legger bene l’etichetta si scopre che l’additivo alimentare sdoganato dalla legge contiene in realtà edulcoranti ed additivi vari, ma soprattutto la supina food and drugs administration ha dato il suo fondamentale lascia passare guarda un po’ solo quando un cartello di megamultifucking multinazionali ha brevettato la stevia più diffusa al momento sul mercato.

Da un lato c’è la Truvia, ‘inventata’ da coca cola e cargill, dall’altro la PureVia, inventata da Pepsi ed un’azienda controllata della Merisant (quelli che fanno l’aspartame). In entrambi i casi dietro la sbandierata magica stevia siamo di fronte ad un miscuglio composto di (in ordine di quantità decrescente):

  • Eritritolo: una sostanza presente in natura per esempio nell’uva e nei meloni, seppur in quantità infinitesimali. Anche se ancora non è chiaro, visto che gli studi sulla sua tossicità sono stati fatti per lo più dalla stessa Cargill (la storia dell’aspartame si ripete) , considerando le quantità prodotte a livello industriale e le piantagioni di meloni che sarebbero necessarie per il suo fabbisogno sembrerebbe più verosimile che l’eritrolo è sintetizzato chimicamente a partire da amido di mais di piante geneticamente modificate (sponsored by Monsanto).
  • Rebiana: uno dei tanti componenti della pianta originale che le donano il dolce sapore naturale, estratto attraverso un procedimento che prevede 42 passaggi e che utilizza tra l’altro acetone, etanolo e metanolo, e che farebbe dimenticare la parola ‘naturale’ anche al consumatore più sognatore.
  • Aromi naturali:…

Senza considerare il fatto che il Paraguay è piccolino e l’80% della stevia destinata al mercato degli edulcoranti ‘naturali’ a zero calorie, è prodotto in Cina.

C’è chi ha già cominciato a raccogliere testimonanzie su potenziali effetti collaterali della truvia.

Insomma diffidate dei surrogati, se proprio volete dolcificare senza lo zucchero raffinato, veleno dei veleni, procuratevi dei semi di stevia e piantateli in giardino o in balcone. La stevia è una pianta spontanea che ha bisogno di poche attenzioni, pur prediligendo il clima tropicale di cui è originaria sa adattarsi anche a quello mediterraneo, l’unico ‘problema’ è un potere dolcificante ridotto, ma i problemi veri sono ben altri.

Lasciatela in infusione come si fa con le foglie di té (o nel té stesso per addolcirlo) ed usate l’infuso come dolcificante nelle vostre ricette, l’unico effetto collaterale in questo caso è un leggero retrogusto di liquirizia che a me piace.

In italia sono disponibili tra gli altri i prodotti qui sotto, ma non ho trovato nessuno che venda foglie di stevia che compravo a sacchetti (molto economici) a Buenos Aires…

  • natvia: apertamente in contraddizione sugli ingredienti del loro prodotto (non lo sanno neanche loro?), una multinazionale della stevia cui ho chiesto maggiori informazioni sui loro prodotti

nella sezione domande e risposte si dice che:

“Reb A è la parte più dolce della stevia e a differenza di altri prodotti basati su stevia è l’unico ingrediente usato per i vostri prodotti.”

contemporaneamente però di ce anche che:

“l’eritritolo è miscelato lentamente nella preparazione dei vostri prodotti alla stevia per renderli ancora più dolci”

Possibile sapere qual è la composizione dei vostri prodotti e con quali processi vengono ottenuti tanto il reb A quanto l’eritritolo?

grazie

  • stevialia: orgogliosa di avere eliminato l’amaro stevioside che la natura aveva inserito con altri elementi con tanta pazienza ed anni di evoluzione.
  • misura stevia: che un po’ più onestamente si definisce un ‘dolcificante di origine naturale’

Salve,

leggo dal vostro sito che le coltivazioni sono presenti anche in Cina. Possibile sapere le percentuali di approviggionamento dai diversi paesi produttori?

grazie

  • Eridania: commercializza direttamente la truvia. Niente da aggiungere.
  • Dietor: sul sito non ci sono molte informazioni nè un form per i contatti, solo un numero verde che proverò a chiamare
  • Stevialis: presente anche in Francia con poche informazioni suk prodotto e la sua provenienza.
salve vorrei sapere in che paese è coltivata la stevia da voi utilizzata e con quali processi sono estratti il reb A e lo stevosoide presenti nei prodotti e se nei vostri prodotti è presente eritritolograzie
Annunci